Fossano: Il mondo a scuola


  http://www2.disal.it/Resource/LogoDisal_22.gif

 

Seminario di formazione

 

Il mondo a scuola

Programmare, valorizzare e gestire la mobilità studentesca internazionale

 

rivolto ai dirigenti scolastici e docenti delle scuole statali e non statali

e

operatori della mobilità studentesca internazionale

 

VENERDI’ 12 ottobre 2018 

 

Palazzo Righini

via Negri, 20 

12045 FOSSANO (CN)

 

 

Presentazione

 

L’Associazione Di.S.A.L. e la Fondazione YFU ITALIA promuovono un Seminario interregionale di studio sul tema della ‘Mobilità studentesca internazionale’.

Nella prospettiva di una crescente internazionalizzazione della scuola, la mobilità studentesca acquista una centralità sempre maggiore, sia per la sua valenza di formazione personale, sia per l’importanza che può rivestire nell’acquisizione di competenze utili nella ‘società della conoscenza’. La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi di mobilità individuale degli studenti sono un’opportunità per le scuole per guardare oltre i confini nazionali, verso una più ampia concezione di cittadinanza, e per riflettere sul proprio ruolo educativo.

Un adeguato sviluppo delle esperienze di mobilità, tuttavia, richiede una seria considerazione dei nodi problematici con i quali ci si deve misurare:

*      come combinare il richiamo internazionale con le esigenze educative, sociali, istituzionali, legate ai singoli contesti e alle loro tradizioni?

*      quale è il quadro normativo all’interno del quale ci si muove? Quali i rapporti fra spazio europeo e più ampio contesto mondiale?

*      quali nuove sfide si presentano per le singole scuole e i singoli docenti, il cui atteggiamento rimane un elemento cardine per rendere possibile una mobilità fruttuosa sul piano sia educativo che didattico?

Il Seminario interregionale intende entrare nel merito di queste dinamiche nell’ipotesi che, nella scuola centrata sugli ‘obiettivi di apprendimento’, le esperienze dei soggiorni all’estero e degli scambi scolastici di studenti possano rivelare tutta la loro efficacia anche in termini didattici, ed essere percepite come tale dal corpo docente, favorendo così anche una più piena valorizzazione degli aspetti relazionali e socio-affettivi.

 

Al di là dei passaggi e degli adempimenti burocratici, costituisce premessa fondamentale il fatto che un periodo di studio all’estero costituisce per gli studenti un esperienza formativa che sviluppa competenze trasversali, oltre a quelle linguistiche e a quelle più specificatamente legate alle discipline: imparare a leggere e ad utilizzare altri codici, saper riconoscere regole e principi diversi, imparare ad orientarsi al di fuori del proprio ambiente umano e sociale non è semplice e richiede un impegno che va molto oltre quello richiesto dalla frequenza di un anno di studio normale. Affinché gli scambi diventino occasione di crescita e arricchimento per tutta la scuola, è fondamentale che nel processo di accompagnamento ed inserimento siano coinvolti molteplici attori definendone compiti e ruoli: lo studente e la sua famiglia, i docenti del consiglio di classe, i compagni di classe.

 

 

 

Programma

 

 

ore   9.00     Registrazione partecipanti

 

ore   9.30     Saluti

                      Marco Bussetti -  Ministro Istruzione Università e Ricerca

                      Enrico Castellano - Presidente di Palazzo Righini

 

 

*               I sessione -  Il mondo a scuola

                     Coordina: Giancarlo Lacchin

 

ore  9,45    Mobilità studentesca: aspetti culturali, professionali e di sistema

                     Giuseppe Colosio

 

ore 10.30   Il ruolo dei Social nei progetti di Mobilità studentesca internazionale

                     Piermarco Aroldi

 

 

Dibattito

 

*               II sessione - Scuola e mobilità 

                     Coordina: Sebastiano Angelico

 

ore 11.00    Gli insegnanti veicoli di cultura europea

                     Giorgio Chiosso

 

ore 11.45    Mobilità studentesca: la normativa italiana ed internazionale

                     Giuseppe Colosio

 

ore 13.00    Buffet

 

 

Dibattito

 

*               III sessione – Valorizzare l’esperienza all’estero 

                     Coordina: Giuseppe Colosio

 

ore 14.15    Un regolamento per la mobilità: costruire le Linee guida d’istituto

                     Ezio Delfino

 

ore 15.15   Scambio culturale e intelligenza emotiva

                    Sergio Astori

 

Dibattito

 

ore 16.15    Conclusioni

                     Una scuola grande come il mondo!

                     Giancarlo Lacchin

 

ore 17.00    Termine dei lavori

 

 

Image result for mobilità studentesca internazionale individuale

 

 

 

 

Temi trattati

*         Mobilità studentesca: aspetti culturali, professionali e di sistema

*         Verso un nuovo modello di cittadinanza nel mondo

*         Mobilità studentesca e normativa

*         Costruire le Linee guida/Regolamento di istituto per la mobilità studentesca

*         Comparare i sistemi scolastici per una mobilità efficace

*         La valenza degli scambi: formativa, acquisizione di competenze e conoscenze curriculari

*         Autonomia scolastica e mobilità

*         Il ruolo degli insegnanti nella mobilità studentesca

*         Valorizzare l’esperienza: la valutazione delle competenze e il reinserimento in classe dello studente

*         Mobilità studentesca e Alternanza scuola lavoro

 

Interventi

 

Sebastiano Angelico - Direttore di Fondazione YFU Italia

Piermarco Aroldi - Direttore OssCom - Università Cattolica S. Cuore - Milano

Sergio Astori - Psichiatra e Docente Università Cattolica S. Cuore - Milano

Marco Bussetti - Ministro Istruzione Università e Ricerca

Enrico Castellano - Presidente di Palazzo Righini - Fossano (CN)

Giorgio Chiosso - Docente di pedagogia Università studi di Torino

Giuseppe Colosio - già Direttore Generale dell’Ufficio scolastico Regionale per la Lom­bardia

Ezio Delfino - Dirigente scolastico - presidente nazionale DiSAL 

Giancarlo Lacchin - Università degli Studi di Milano e Direttore Scientifico YFU Italia

 

Iscrizione ed info

 

Iscrizione gratuita e adesione obbligatoria.

Per info ed adesione  scrivere a segreteria@disal.it .

Iscrizioni: entro martedì 2 ottobre 2018 compilando e inviando il modulo di iscrizione allegato.

Coloro che avessero bisogno di pernottare potranno rivolgersi direttamente a:

Albergo Palazzo Righini - Fossano (CN)  

tel.: +39 0172 666 666 - cell.: +39 331 647 7256 - e-mail: info@palazzorighini.it.

Al partecipante saranno riconosciute n° 8 ore di formazione.

 

Al termine del Corso sarà rilasciato da Di.S.A.L. attestato di frequenza valido ai fini della formazione.

 

DiSAL - via Legnone 20, 20158   Milano   -    tel. 02-69000940   -   segreteria@disal.it

 

 

 

 

________________________

L’Associazione DiSAL è soggetto qualificato per l’aggiornamento e la formazione del personale della scuola ai sensi del DM 177/2000 e dell’OM 90/2003, nonché del CCNL 2006/2009 Comparto Scuola. L’iniziativa si configura come attività di formazione e aggiornamento ai sensi degli Artt. 64 e 67 CCNL 2006/2009 del Comparto Scuola come formazione e aggiornamento dei Dirigenti scolastici ai sensi dell’Art. 21 del CCNL 11/4/2006 Area V.

 

La Fondazione Young for standing  -  YFU promuove programmi di scambio interculturale di studenti da oltre 60 anni favorendo la comprensione interculturale, l'apprendimento permanente, le competenze globali, il rispetto reciproco e la responsabilità sociale attraverso l’impegno di volontari dedicati e personale specializzato.  La rete YFU, presente in 50 paesi, è sorretta dalla convinzione che la piena immersione culturale sia il mezzo più efficace per acquisire le competenze necessarie per prosperare in una società globale sempre più multiculturale, interconnessa e competitiva.

 

 

 

 

e. Una scuola grande come il mondo

                  di Gianni Rodari

 

C’è una scuola grande come il mondo.
Ci insegnano maestri e professori,
avvocati, muratori,
televisori, giornali,
cartelli stradali,
il sole, i temporali, le stelle.
Ci sono lezioni facili
e lezioni difficili,
brutte, belle e così così…
Si impara a parlare, a giocare,
a dormire, a svegliarsi,
a voler bene e perfino
ad arrabbiarsi.

Ci sono esami tutti i momenti,
ma non ci sono ripetenti:
nessuno può fermarsi a dieci anni,
a quindici, a venti,
e riposare un pochino.
Di imparare non si finisce mai,
e quel che non si sa
è sempre più importante
di quel che si sa già.

Questa scuola è il mondo intero
quanto è grosso:
apri gli occhi e anche tu sarai promosso!

 

 

 
Salva Segnala Stampa Esci Home