Dibattito/L’uso dei social


Agli studenti. Papa: non smettete di sognare! il telefonino non sia una droga

Avvenire -  13 aprile 2019

 

«Liberatevi dalla dipendenza del telefonino», Francesco incontrando studenti e docenti del Liceo Visconti di Roma. «Non sporcare l'amore, servono pudore e fedeltà» e « lottate contro il bullismo»

Papa: non smettete di sognare! il telefonino non sia una droga

"Cari giovani studenti, non smettete di sognare in grande e di desiderare un mondo migliore per tutti. Non accontentatevi della mediocrità nelle relazioni tra di voi, nella cura dell'interiorità, nel progettare il vostro futuro, nell'impegno per un mondo più giusto e più bello". Così Papa Francesco si è rivolto agli studenti del liceo Visconti di Roma, ricevuti in udienza in occasione dell'Anno giubilare Aloisiano.

Da quel Collegio sono usciti personaggi importanti che hanno contribuito al progresso della scienza e alla crescita della società – sottolinea ancora Francesco - favorendo un dialogo costruttivo tra fede e ragione. I valori del Vangelo, che hanno animato la cultura di generazioni e generazioni di italiani, possano ancora oggi illuminare le coscienze, le famiglie, le comunità, perché in ogni campo si operi nel rispetto dei valori morali e per il bene dell’uomo”.

Per il Papa “la scuola come tale è un bene di tutti e deve restare una fucina nella quale ci si educa all’inclusione, al rispetto delle diversità, alla collaborazione. È un laboratorio che anticipa ciò che dovrebbe essere nel futuro la collettività. E in questo gioca un ruolo importante l’esperienza religiosa, nella quale entra tutto ciò che è autenticamente umano”. Il rispetto delle diversità per collaborare, per favore non abbiate paura delle diversità, queste arricchiscono il paese, ci fanno guardare avanti", dice a braccio il Papa.

Francesco poi racconta: “Nello stesso edificio della vostra Scuola, si trova la monumentale Chiesa di S. Ignazio, al cui interno riposano le spoglie di S. Luigi Gonzaga, del quale è in corso un Anno Giubilare per i 450 anni della sua nascita. Lui frequentò da studente gli stessi ambienti che oggi voi frequentate. San Luigi è patrono della gioventù; per questo mi piace richiamare alcuni temi che ricavo dalla storia di questo grande Santo e che mi sembrano molto attuali”.

Il Papa esorta inoltre gli studenti ad ascoltare la voce della loro coscienza, “per non diventare un pezzo di carta che va al vento da una parte all’altra”. E, soprattutto, a “non aver paura del silenzio”: “solo nel silenzio interiore si può cogliere la voce della coscienza e distinguerla dalle voci dell’egoismo e dell’edonismo”. Francesco invita poi i giovani a liberarsi della dipendenza del telefonino e da tante altre dipendenze. Il telefonino, spiega il Pontefice, è per la comunicazione. Non deve diventare una droga altrimenti riduce la comunicazione in semplici contatti. La vita, ricorda il Papa, “non è per contattarsi” ma per comunicare.

«Il telefonino è un grande aiuto, è un grande progresso; va usato, è bello che tutti sappiano usarlo. Ma quando tu diventerai schiavo del telefonino, perderai la tua libertà. Il telefonino è per comunicarsi, per la comunicazione: è tanto bello comunicare tra noi. Ma state attenti, che c’è il pericolo che questa droga, quando il telefonino è droga, il pericolo è di ridurre la comunicazione in semplici contatti: La vita non è per contattarsi: è per comunicare. E’ per comunicare».

"Vorrei aggiungere una cosa infine: Nel vostro Istituto non ci siano guerre o aggressioni. Tanto dolore mi fa vedere che in qualche scuola c'è il bullismo. Lottate contro questa aggressività, niente bullismo nel vostro Istituto".

 
Salva Segnala Stampa Esci Home