Concorso Dirigenti: una attesa snervante


Concorso dirigenti scolastici, Consiglio di Stato: oggi decisione su annullamento. Notizia in tempo reale

Orizzontescuola – 12/7/2019 - redazione

 

Con molta probabilità nella mattinata di oggi sapremo della decisione del Consiglio di Stato sull’annullamento del concorso a dirigente scolastico pronunciato dal Tar la scorsa settimana.

Le motivazioni

Le motivazioni dell’annullamento da parte del Tar sono ormai note. Infatti, nel testo della sentenza vengono indicati Elisabetta Davoli e Francesca Busceti, entrambe impegnate in corsi di formazione per aspiranti dirigenti, e Angelo Francesco Marcucci, sindaco in Campania, quindi con una carica che risulta incompatibile con la partecipazioni a commissioni per i concorsi pubblici.

Il Ministero ha presentato appello, sostenendo che non esistono i presupposti per le tre argomentazioni. Nei primi due casi i commissari avrebbero partecipato a corsi non direttamente rivolti ai partecipanti al concorso o comunque fornendo i materiali e non partecipando come docenti.

Nel terzo caso, la carica non avrebbe inficiato il corretto funzionamento del concorso.

Atteso oggi il pronunciamento del CdS

Con molta probabilità il CdS deciderà domani se dare ragione o torto al Tar Lazio sull’annullamento. La redazione di Orizzonte Scuola vi darà la notizia in tempo reale, non appena sarà data dal CdS.

Cosa potrebbe accadere?

Se il ricorso del Tar sarà annullato, secondo quanto indicato dal MIUR allo stesso Consiglio di Stato, la graduatoria dei vincitori sarà stilata entro il 15 di luglio. Entro il 25 luglio, il MEF darà consenso per le assunzioni, in modo da avere i nuovi dirigenti in cattedra per il 1 settembre 2019. Ai ricorrenti non spetta che attendere gli altri procedimenti in attesa di giudizio, inclusi quelli di carattere penale.

Se ci sarà lo stop al concorso, potrebbe intervenire la politica. Tra le ipotesi di salvataggio al vaglio c’è l’idea di una sanatoria politica che consentirebbe di assumere i vincitori dell’attuale concorso e di attendere quei 2, 3 anni la sentenza definitiva per poi avviare un concorso riservato per quanti sono rimasti esclusi.

 

Concorso DS: ancora nessuna pronuncia dal Consiglio di Stato

Tuttoscuola - 11 luglio 2019

 

Nessuna pronuncia da parte del Consiglio di Stato relativamente al concorso DS a chiusura di una lunga e snervante giornata di attesa. A questo punto la decisione della Sesta Sezione del Consiglio di Stato slitta inevitabilmente a domani.

Quale interpretazione dare al ritardo di emanazione di una decisione che sembrava pressoché pronta dopo poche ore dalla conclusione del dibattito questa mattina?

Innanzitutto, al di là del merito del contenuto che uscirà (favorevole o sfavorevole), il notevole tempo che la Sezione del CdS sta impiegando per la decisione che riguarda il concorso DS, significa che la questione non è per niente semplice e che i magistrati stanno lavorando per un esito convincente e probante.

Quale esito? È difficile da dire. Potrebbe non essere emanata un’ordinanza cautelare di sospensiva (o di diniego dell’istanza), bensì una sentenza breve che chiude la questione senza ulteriori attese. Potrebbe. Forse.

E se fosse sentenza? 60 a 40 che sia di annullamento della sentenza del TAR. Non ci resta che attendere.

 

 
Salva Segnala Stampa Esci Home