Prove INVALSI: i risultati migliori con Docenti empatici


Test invalsi, risultati migliori con docente empatico. Capacità relazionali insegnanti migliorano apprendimento

Orizzontescuola – 8/10/2019 - redazione


Le competenze relazionali dei docenti e la collaborazione tra gli stessi migliorano i risultati d’apprendimento degli studenti.

La ricerca

L’Università di Milano-Bicocca e ‘Università Cattolica del Sacro Cuore, come riferisce Scuola24, hanno effettuato una ricerca OpenTeQ (Opening the black box of teacher quality) sull’incidenza delle competenze relazioni sulla qualità dell’insegnamento e sulla possibilità di accrescere tali competenze tramite iniziative di formazione.

La ricerca ha visto coinvolte  198 scuole secondarie di primo grado di 11 province italiane  e cira 3.000 docenti di italiano e matematico, ai quali è stato dato un libretto con dei suggerimenti utili ad affrontare i vari problemi di relazionali che affrontano tutti i giorni in classe.

Ciascun tema trattato nel libretto è accompagnato da un video, disponibile online nel sito dedicato.

Esiti

I risultati della ricerca hanno mostrato che, grazie ai temi affrontati nel libretto e alla collaborazione tra i docenti:

  • è aumentata del 4% la percezione dei degli insegnanti di essere in grado di ottenere l’impegno degli studenti e gestire la classe in maniera funzionale;
  • sono migliorati i punteggi dei loro studenti nelle prove Invalsi (+3,1 per cento test di italiano e +4,5 per cento test di matematica);
  • un aumento del tasso di promozione degli studenti.

Dalla ricerca, inoltre, è emerso che i risultati migliori si sono ottenuti nelle scuole in cui il libretto è stato condiviso a livello di collegio docenti, rispetto a quelle in cui il predetto libretto è stato consegnato a singoli insegnanti.

Come detto all’inizio, in definitiva, le competenze relazionali dei docenti, intendendo con ciò anche la capacità empatica dell’insegnante, e la collaborazione costituiscono il mix giusto per stimolare e migliorare l’apprendimento degli studenti.




 
Salva Segnala Stampa Esci Home