Nota 3655 26.06.2020: Nuova versione “Piano Scuola 2020 – 2021”

 
MinisteroIstruzione

Capo di Gabinetto

 

Al capo di Gabinetto del Ministero Affari Regionali e Autonomi

Alla Segreteria Conferenza Stato Regioni

Al Capo di Gabinetto del Ministro Economia e Finanza

Al Capo di Gabinetto del Ministro della Salute

Al Capo di Gabinetto del Ministro PubblicaAmministrazione

 

 

Sifa seguito alla nota prot. 3517del 25/6 u.c., per trasmettere la nuova versionedello Schema “Piano Scuola 2020 – 2021” per la Conferenza Stato Regioniprevista in data odierna

 

Siringrazia per la collaborazione

 

Il capo Gabinetto

Luigi Fiorentino

 

 

 

Ritorno a scuola, più supplenti e DaDcomplementare: modificato il Piano Scuola. Oggi Conferenza Stato Regioni

Tuttoscuola - 26giugno 2020

 

Più supplentie didattica a distanza (solo alle superiori) complementare aquella in presenza. Le linee guida sul ritorno a scuola fissato, con tuttaprobabilità, per il prossimo settembre, hanno subito nuove modificheper superare le resistenze di governatori, DS, docenti e famiglie che proprioieri, 25 giugno, sono scese in piazza con il comitato “Priorità alla scuola”per protestare contro le decisioni di Viale Trastevere. Il nuovo PianoScuola, frutto di una riscrittura notturna, sarà discusso oggi, 26giugno, nella Conferenza unificata, inizialmente prevista per ieri.

Il “Piano Scuola2020-2021” interviene prima di tutto sulla governance per la riaperturadi settembre. La cabina di regia Covid-19 continuerà a coordinare le azioniavviate lungo la penisola, e il nuovo testo individua nelle Conferenze deiservizi di enti locali e dirigenti scolastici l’organismo operativo. Lefunzioni di controllo sono lasciate invece ai tavoli regionali presso gli Usr.A disposizione ci sarà il “cruscotto informativo”  messoa punto dall’Istruzione e che ora viene citato espressamente dal Piano.Interrogando la banca dati, sarà possibile sapere se in quella certa classe diuna tale scuola è possibile o meno rispettare il distanziamento tra gli alunni.

Distanziamentoche, punto fermo, rimane fissato a un metro di distanza tra gli alunni,due metri dalla cattedra. Incertezze ancora sull’obbligo dimascherina in classe che verrà chiarito tra fine agosto e inizi disettembre di fronte alla curva epidemiologica di quel periodo. 

Resta lapossibilità per i dirigenti scolastici di adeguare i locali interni oesterni a ospitare gruppi di alunni oppure chiedere in prestito spazialternativi per la didattica (cinema, teatri, biblioteche, musei e scuole nonpiù utilizzate dopo gli interventi di dimensionamento degli anni passati). Tragli aggiornamenti delle ultimi ore sono degne di nota la possibilitàper gli studenti di svolgere le assemblee a distanza e unamaggiore flessibilità nel servizio mensa: qualora ci si trovi davantia refettori troppo piccoli e si dovrà optare per le lunchbox al banco, ci potràesserci una semplificazione dei menù.

Arriviamo quindialle note dolenti: risorse e organico. Lanuova bozza di Piano Scuola ricorda lo stanziamento di 1 miliardo per ilfondo Covid-19 previsto nel decreto rilancio. Per quanto riguarda gli organicisi avvia un monitoraggio per individuare le singole criticità e disporre dovenecessario “ulteriori incrementi di organico, aggiuntivi, di personalescolastico per le istituzioni scolastiche”. In parole povere supplenti. 

Per sbloccarel’empasse, lo scorso 25 giugno la ministra Azzolina ha chiesto 1miliardo in più per la scuola, da destinare alla creazione di spaziaggiuntivi e al potenziamento dell’organico in vista della ripresa a settembre.

 



 

Copyright © 2020 Di.S.A.L.